Site Overlay

Lo sgombro è oro per il nostro organismo

Le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali, oppure fanno ingrassare. G. B. Shaw

Lo sgombro è oro per il nostro organismo, quindi non chiamatelo pesce povero, ma chiamatelo il principe degli omega-3. Lo sgombro o scombro è conosciuto col nome di lacerto o maccarello e nonostante sia poco conosciuto, è un pesce straordinario. Se vi state chiedendo il perché ve lo diciamo subito:  è eco-sostenibile, abbastanza accessibile il costo e contiene tutte le qualità nutritive del pesce azzurro, infatti è raccomandato dai medici per il suo apporto in grassi omega-3.

Lo sgombro è uno dei pesci più utilizzati e apprezzati della dieta mediterranea, ha un sapore intenso e deciso con carne morbidissima. Lo sgombro è una riserva di acidi grassi polinsaturi omega-3. Questi acidi grassi buoni detti omega-3, sono fondamentali per il cuore, perché aiutano a mantenere basso il livello di colesterolo “cattivo” LDL. Questo nel sangue e non solo, aiutano a mantenere il cervello in forma e a proteggere l’apparato digerente da infiammazioni. Sarà per tutte queste sue caratteristiche che lo sgombro può vivere fino ai 17 anni.

Lo sgombro è molto diffuso nelle acque costiere del Mediterraneovive  fino a 200 metri di profondità e si sposta verso le coste nelle stagioni più calde. Ha un corpo allungato e affusolato, con occhi grandi e bocca a punta, è di colore grigio con striature blu sul dorso, mentre il ventre è bianco- argenteo. Non ha squame e spesso raggiunge anche i 50 cm di lunghezza.

Si trova sul banco del pesce fresco o al supermercato surgelato, ma anche sottolio e al naturale. E’ ideale per condire insalate. Può essere cucinato al forno, al vapore, al cartoccio, marinato, alla griglia, diciamo che è buono in tutti i modi. Seguiteci e nei prossimi giorni, vi spiegheremo come impiegare lo sgombro in qualche nuovo gustoso secondo e in un sano primo piatto.

Consigli: Come tutti i pesci, anche gli sgombri sono molto delicati, vanno comprati, puliti e mangiati subito. In frigorifero si possono conservare, ma non più di due giorni. Se acquistati freschi possono essere congelati e conservati fino a 3 mesi.

Se ti è piaciuto l’articolo, vieni a trovarci sulla pagina Facebook e clicca mi piace, così diventerai nostro fan e potrai seguire tutti gli aggiornamenti! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.