Colatura di alici antica tradizione di Cetara

Colatura di alici: antica tradizione di Cetara

La Colatura di alici è un prodotto molto antico di Cetara, la bellissima e pittoresca cittadina che si incontra all’inizio della famosa e spettacolare Costiera Amalfitana, subito dopo Vietri. Cetara è un piccolo borgo, una perla intatta che conserva le tradizioni di una pesca antica e attuale, che propone il suo prodotto con orgoglio gastronomico, la rinomata e memorabile Colatura di Alici, lavorato con amore e maestria, con responsabilità e impegno. La Colatura di Alici è un prodotto unico che solo la tradizione dei maghi pescatori cetaresi hanno il dono e il compito di tramandarla da secoli, di padre in figlio.

A vederla, la Colatura di alici si presenta come un liquido quai trasparente, ma la lavorazione richiede impegno e responsabilità. Infatti questo liquido tanto conosciuto, viene ricavato dalle acciughe pressate sotto sale, che a sua volta devono maturare e stagionare. Le alici vengono pescate dai pescatori e ancora fresche vengono eviscerate, a questo punto si depongono in contenitori di legno di rovere, detto terzigno (un terzo di una botte). Vengono fatti diversi strati con una tecnica “testa-coda“, alternando con sale.

Una volta terminati gli strati, il terzigno vine chiuso con un “tompagno“, che sarebbe un disco in legno, dove a sua volta verranno disposti dei pesi, di solito pietre marine, per far appunto pressione e far uscire tutto il liquido. Man mano che maturano le acciughe, per effetto della pressione, il liquido distillato e di colore ambrato, emerge in superficie, e infine sarà destinato ad essere imbottigliato o impiegato in cucina.

 Il sapore del liquido della colatura di alici è deciso e corposo, il piatto tradizionale per eccellenza è Spaghetti con colatura di alici, che si prepara senza la minima difficoltà e riscuote sempre un enorme successo. Oltre alla preparazione di piatti, la Colatura di alici viene usata da maestri gourmet come condimento, perchè considerato un esaltatore di sapori, viene sostituito al sale per dare gusto e sapore a piatti di pesci, di verdure come patate, cicorie, broccoli, scarole. La Colatura di alici rientra oramai nel patrimonio gastronomico, nel presidio Slow Food, per cui è un prodotto antico e tradizionale da tutelare.

Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi seguire gli aggiornamenti, vieni a trovarci sulla pagina Facebook, regalaci un mi piace e diventa nostro fan 

2 comments

  1. Oltremodo interessante; la descrizione chiara al punto da far gustare anche il sapore. Le alici sono il mio cibo prelibato, immaginiamo, poi, il sapore di questa colatura. Da ricercare ed assaporare 🙂

    1. Sei proprio una intenditrice del gusto, o meglio una gourmet di classe, che invoglia lo staff di baccalafritto.it a migliorarsi sempre più. Mi raccomando cara Annamaria seguici sempre, perchè i tuoi commenti sono preziosi e impagabili! A presto 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *