Site Overlay

A carnevale ogni ricetta di baccalà vale

Le cose più belle della vita o sono immorali, o sono illegali, oppure fanno ingrassare. G. B. Shaw

A Carnevale ogni ricetta di baccalà vale. La parola Carnevale deriva dal latino e significa “carne levare”, indica il periodo di festeggiamenti precedenti l’inizio della Quaresima, durante la quale è vietato mangiare carne. Approfittando di questa curiosità e rispettando la tradizione, la cosa migliore da fare è salutare il Carnevale con una bella e ricca mangiata di Baccalà, c’è la giusta atmosfera per arricchire questa antichissima festa.

Mangiare baccalà a Carnevale significa volersi bene, fare una buona azione per se stessi, se vi state chiedendo il perché, ve lo spieghiamo subito. Il Baccalà, un pesce bianco con carne molto soda e con un sapore molto caratteristico, è ancora oggi, uno dei pesci più consumati al mondo. Le caratteristiche nutritive del baccalà, la sua tradizione gastronomica e la sua versatilità in cucina lo innalzano a re della tavola. Il baccalà è un alimento sano con pochi grassi ed è fonte naturale di proteine, vitamine e sali minerali.

Le sue proprietà nutritive sono migliori della carne e di tanti altri tipi di pesce. Il baccalà è ricco di omega 3-6-9, secondo solo al  salmone affumicato, è ottimo per chi ha problemi di colesterolo, per chi soffre di  pressione alta, contribuisce alla riduzione del rischio di malattie cardiache, cancro, ictus, protettivo contro le malattie cardiovascolari e molte altre malattie degenerative. Sembra poco ma,  fornisce anche una maggiore resistenza alle influenze di stagione e raffreddore e pare da recenti ricerche che fa da prevenzione per il tumore prostatico negli uomini.

Si può cucinare in tanti modi, i portoghesi hanno 366 ricette, una al giorno, compreso l’anno bisestile. In Italia, ogni regione ha le sue ricette per cucinare il baccalà, si può cucinare alla mediterranea, semplice e genuino con pomodorini, olive e capperi, si può fare alla livornese, alla messinese, con la polenta e addirittura in agro dolce.

Il baccalà fritto è un secondo piatto diffuso e gustato in tutta la nostra penisola, di facile preparazione, ti fa ricordare il Natale e in molte città d’Italia si trova tutto l’anno nelle trattorie e nei ristoranti. Che altro dire, seguiteci e vi daremo una ricetta al giorno e tanti consigli per avvicinarvi a una cucina sana e genuina.

Se ti è piaciuta la ricetta, vieni a trovarci sulla pagina Facebook e clicca mi piace, così diventerai nostro fan e potrai seguire tutti gli aggiornamenti! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.